Come creare un sito e aprire un blog con WordPress

Vuoi aprire un blog e creare un sito con WordPress ma gli aspetti tecnici ti terrorizzano? Niente paura! In questo articolo vediamo come fare, partendo da zero, senza conoscenze tecniche, il tutto in meno di un'ora!

Questa guida si basa sull'installazione e l'utilizzo di WordPress Self Hosted. Come saprai ci sono due siti di WordPress, il .com e il .org. A noi interessa il secondo. Tra i due ci sono differenze nel modo di utilizzo.

WordPress.com permette di aprire un blog gratis ma sei molto limitato nell'utilizzo, inoltre non hai accesso alle funzionalità dell'hosting che viene messo a disposizione al momento dell'iscrizione. Tutte le funzionalità "extra" vanno pagate e alla fine si spende di più di quanto si sarebbe speso scegliendo una soluzione Self Hosted.

WordPress.org mette a disposizione il pacchetto di installazione di WordPress mentre tutto il resto puoi sceglierlo liberamente ed essere totalmente autonomo e indipendente; per questo Self Hosted, perché sei tu a scegliere ed occuparti dell'hosting.
Ti dirò di più, ormai qualsiasi hosting ha la funzione di installazione veloce di WordPress per cui non devi neppure andare su WordPress.org, scaricare i file e caricarli sul server. Avviene tutto con pochi semplici click come vedremo a breve.

Per maggiori dettagli leggi Differenza tra WordPress.com e WordPress.org.

Chiarito questo aspetto mettiamoci al lavoro ed iniziamo a creare il tuo blog!

Cosa serve per aprire un blog con WordPress

Per iniziare un qualsiasi progetto servono degli strumenti e delle risorse. Aprire un blog o creare un sito web non fa eccezione. Ciò che ti serve è:

  • Il nome di dominio: è l'indirizzo del tuo blog, per esempio il nostro è wppoint.it, puoi saperne di più leggendo Cosa è un Dominio Internet e come ottenerlo.
  • L'hosting:  è il pc dove sono memorizzati i file del blog e che risponde alle richieste degli utenti che visitano il tuo sito. Più il pc risponde velocemente più l’esperienza dei visitatori è gradevole. Per richiesta intendo un click su un link  che richiede il caricamento di un contenuto.
    Un hosting che riteniamo eccellente in termini di qualità, prezzo assistenza è Siteground, ma ce ne sono anche altri come Hostgator o Bluehost. Se vuoi saperne di più leggi ​I migliori hosting per WordPress. Le tipologie e le caratteristiche fondamentali.​​​
  • Circa 200€ di budget: abbiamo detto che non conviene usare piattaforme gratuite, perché hanno molte limitazioni e fanno pagare tutto come servizi extra. Meglio pagare subito ma essere indipendenti e liberi nell'utilizzo dei servizi e delle funzionalità di WordPress.
  • check
    Circa 60 minuti: è il tempo che impiegherai per seguire tutti gli step ed avere il tuo blog pronto e funzionante. 

1# - Acquisto dominio ed hosting

La prima cosa da fare per creare un sito web e aprire un blog è acquistare il dominio e l'hosting. Al momento in cui scrivo sto usando SiteGround ed è su questo hosting che ho strutturato la guida.

Vai su Siteground.it, scegli il profilo di abbonamento.

Aprire un blog

Scegli quindi il nome del dominio. Se dovesse risultare già preso ti verrà chiesto di scegliere un altro nome.

Per completare la procedura di registrazione e di acquisto leggi: Come installare WordPress su Siteground.

Assistenza Gratuita

Se acquisti il servizio hosting SiteGround tramite il nostro link di affiliazione avrai la nostra assistenza gratuita su tutto il processo di installazione e configurazione!

2# - Installare WordPress

Dopo aver letto la guida Come installare WordPress su Siteground, dovresti aver già tutto installato e funzionante. Se così non fosse ti faccio un breve riepilogo dei passi che devi seguire. Da SiteGround installare WordPress è semplicissimo, una volta attivato il tuo account dal menu vai su Mio account e clicca sul pulsante rosso cPanel.

Vai alla sezione Strumenti WordPress e clicca su Installa WordPress.

Compila il modulo con le informazioni necessarie all’installazione e clicca “Install”.

Se tutto è ok, visualizzi un barra di progressione che ti indica l'avanzamento dell'installazione e, infine, la conferma che WordPress è stato installato correttamente.

3# - Installa certificato SSL

Con Siteground puoi installare un certificato di sicurezza (SSL) gratuito o a pagamento. è un passaggio che non puoi ignorare. Ormai avere il tuo sito web che viene caricato con protocollo https è praticamente obbligatorio.

Un certificato SSL, attraverso il protocollo https, codifica i dati che entrano ed escono dal tuo sito garantendo una maggiore sicurezza agli utenti. 

Se hai notato all'inizio della barra degli indirizzi dei browser c'è una notifica che evidenzia se il sito su cui stai navigando è sicuro o meno, bene, questa dipende, dal certificato SSL che fa caricare il sito in https invece che in http. In poche parole rende più sicuro il tuo sito.

Puoi saperne di più leggendo Certificato SSL ed HTTPS per il tuo sito WordPress.

I benefici di avere un certificato SSL sono:

  • Migliora il posizionamento delle tue pagine sui motori di ricerca.
  • Crea fiducia in chi naviga sul tuo sito.
  • Protegge i dati che transitano sul tuo sito.

Puoi trovare la procedura per installare gratuitamente un certificato SSL leggendo Let’s Encrypt. Https gratuito per il tuo sito web.

4# - Scegli e installa il tema di WordPress

Diciamo che il tema è il vestito che fai indossare al tuo blog. Anche se un po' riduttiva come affermazione, in quanto i temi mettono a disposizione anche multe funzionalità aggiuntive che non riguardano solo l'aspetto grafico, rende l'idea.

Scegliere quello giusto è un momento cruciale nella realizzazione di un blog, sbagliare  può essere una rottura di scatole che fa perdere tempo e denaro. Per ridurre al minimo il rischio di errore tieni presente che un tema deve avere determinate caratteristiche:

  • Deve essere veloce nei caricamenti.
  • Deve avere funzionalità base che siano in linea con le tue esigenze.
  • Deve essere compatibile con i plugin più importanti.
  • Deve supportare un page builder
  • Deve supportare il multilingua.
  • Deve essere compatibile con tutti i browser.
  • Deve essere supportato dagli sviluppatori, ovvero essere aggiornato spesso e aver garantito il supporto utente.
  • Deve essere facile da usare.
  • Deve essere ottimizzato per i motori di ricerca (SEO).
  • Deve essere ottimizzato per i dispositivi mobile.

Se non hai particolare esigenze puoi scegliere un tema gratuito tra i molti disponibili nel repository di WordPress, puoi vedere la procedura di installazione leggendo Scegliere il giusto Tema per WordPress e personalizzarlo.

Da parte mia il consiglio è di usare temi premium perché soddisfano tutte le caratteristiche che ho elencato prima. Alcuni dei migliori sono:

Ovviamente ce ne sono altri molto validi, ma se non hai voglia di sperimentare con questi vai sul sicuro.

5# - Creare le pagine e scrivere gli articoli

Se non sai la differenza tra pagine e articoli leggi subito questo: Differenza tra Articoli e Pagine su WordPress. è fondamentale che tu capisca quando usare le une o gli altri.

Le pagine vanno usate per contenuti statici come homepage, contatti, chi siamo. Gli articoli articoli per creare i contenuti del tuo blog, essi verranno visualizzati in ordine cronologico dal più recente al più antico e, a differenza delle pagine, puoi associargli categorie e tag.

Il sistema per creare una pagina o un articolo è praticamente lo stesso.

Dal pannello di amministrazione vai di Pagine -> Aggiungi Nuova per creare la tua Home per esempio

Oppure vai su Articoli -> Aggiungi nuovo per creare il tuo primo articolo.

Per rendere visibili i contenuti, sia per le pagine che per gli articoli, clicca il pulsante Pubblica.

Attenzione che una volta online dovrai pubblicare i contenuti solo quando completati (in particolar modo gli articoli) fino a quel momento puoi salvare le modifiche cliccando il pulsante Salva In Bozza.

Dopo aver creato le pagine devi specificare quale sarà la Home del tuo blog e quale la pagina per la visualizzazione degli articoli. Per fare questo vai su Impostazioni -> Lettura e configura le impostazioni come nell'immagine di seguito. Per gli articoli ho creato una pagina chiamata Blog, ma puoi chiamarla come preferisci, non ci sono restrizioni.

Passiamo ora a configurare WordPress tramite le altre Impostazioni.

6# - Configurare le impostazioni di WordPress

Entra nel pannello di amministrazione e vai su Impostazioni. 

Di particolare importanza sono le impostazioni sui permalink e di lettura. Le prime per l'ottimizzazione sui motori di ricerca, le seconde, come già detto, per come verranno visualizzati i contenuti del tuo blog.

7# - Creare i menu di navigazione

è il momento di creare il menu di navigazione. Il sistema che WordPress mette a disposizione per questa funzionalità è semplice ed intuitivo. 

Dal pannello di amministrazione vai su Aspetto -> Menu. Dai un nome al menu e clicca su Crea Menu. Ora puoi aggiungere la voce di menu mettendo la spunta sulle pagine o articoli che trovi alla sinistra e premendo Aggiungi al menu.

Puoi leggere la procedura dettagliata in questa guida Creare menu di navigazione su WordPress.

8# - Installare i plugin

Vediamo quali sono i plugin che dovresti installare per aprire il tuo blog.

Se non sai cosa sono i plugin e come installarli leggi la nostra guida Cosa sono i plugin di WordPress e come installarli.

Brevemente un plugin è un'estensione che permette di aggiungere funzionalità al tuo blog, come per esempio un modulo contatti, una gallery o un page builder. Ce ne sono sono migliaia disponibili, circa 60000! In questa sezione ti consiglio quelli che secondo me sono gli essenziali per un blog, ne abbiamo parlato già in I migliori plugin WordPress per blogger (2018)

Tieni sempre a mente che installare troppi plugin può compromettere le prestazioni del blog in termini di velocità e funzionamento, quindi installa solo quelli necessari!

La lista di plugin da usare per aprire un blog è la seguente:

Con questi copri le maggiori necessità che potresti avere nella gestione del blog. Manca il plugin per la gestione dei cookie e della privacy che vedremo a breve. Se utilizzi Siteground come hosting puoi usare come plugin di cache SG Optimize (al posto di W3 Total Cache), sviluppato proprio per avere il massimo risultato con Siteground.

Contact form è "asteriscato" perché se usi Thrive Architect potresti anche non installarlo in quanto, da poco, hanno aggiunto una nuova funzionalità che permette proprio di creare velocemente un modulo contatti. 

9# - GDPR  e Cookie Law

Un aspetto molto importante per aprire un blog è la gestione della privacy e dei cookie. 

Il 25 maggio è entrato in vigore il GDPR ( General Data Protection Regulation) che da le direttive su come gestire i dati personali. Inoltre c'è la cookie law che da direttive su come gestiri i cookie che rilascia il tuo sito.

Per avere dettagli in merito leggi Come adeguarsi al GDPR con un sito WordPress e ​WordPress 4.9.6 un aiuto per il GDPR.

Brevemente: devi scrivere la policy privacy secondo le direttive del GDPR, puoi farlo da solo oppure affidarti a servizi come Iubenda. Discorso simile per la Cookie Law. Devi bloccare tutti i cookie non tecnici prima che il visitatore li accetti esplicitamente. Per fare questo puoi usare il plugin di Iubenda, oppure altre soluzioni come Cookiebot.

10# - Aggiungere Google Analytics

Google Analytics è uno strumento importantissimo per monitorare il traffico sul tuo blog.

Per aggiungerlo crea o utilizza, se già ne sei in possesso, un account su Google Analytics usando la tua mail GMAIL. Se non ne hai una creala al più presto! Dopo la registrazione puoi compilare il modulo per creare la vista di monitoraggio sul tuo blog.

Dopo aver creato l'account e la vista devi  incorporare il codice di monitoraggio nelle tue pagine. Hai due modi per farlo.

  1. Copiare il codice nell'head del tuo sito. E' un'operazione facile in quanto praticamente tutti i temi hanno un'opzione per incorporare il codice di monitoraggio.
  2. Installare un plugin che permette il monitoraggio direttamente dal pannello di amministrazione. Uno molto valido e gratuito è Google Analytics Dashboard for WordPress.

11# - Configurare Webmaster tools di Google

Webmaster tools di Google è uno strumento importantissimo per monitorare la qualità dei contenuti del tuo blog, velocizzare l'indicizzazione delle pagine sul motore di ricerca e inviare a Google il Sitemap XML.

Dopo aver messo online il tuo blog accedi a Webmaster Tools di Google, clicca sul pulsante Seach Console e vai su Aggiungi una Proprietà per registrare il tuo blog.

Una volta registrato e verificato, vai su Scansione->Sitemap, per caricare il sitemap del tuo blog.

La sitemap (XML) elenca le pagine di un sito web, aiutando Google a capirne la struttura e assicurando che possa trovarle e analizzarle tutte.

Se hai installato Yoast SEO, troverai la Sitemap del sito, creata automaticamente, all'indirizzo www.tuosito/sitemap_index.xml.

Puoi gestire la creazione della sitemap da parte di Yoast andano dal pannello di amministrazione sulla voce SEO->Generale, Funzionalità

E poi nella sezione dedicato alla Sitemap.

Ci sono altre funzioni molto interessanti che Google mette a disposizione ma per il momento ti basta conoscere questa per velocizzare l'indicizzazione del tuo blog.

12# - Come monetizzare

Lo scopo di aprire un blog è quello di renderlo remunerativo. Ci sono vari modi per farlo, qui di seguito di segnalo i tre più utilizzati.

  • Pubblicità. Puoi monetizzare mostrando banner pubblicitari sul tuo sito. Il servizio più utilizzato in assoluto e Google Adsense che consente agli inserzionisti di fare offerte per le parole chiave che corrispondono ai tuoi contenuti. Questo permette di ottenere le migliori tariffe possibili per gli annunci. Puoi indicare quali categorie di annunci visualizzare quali dimensioni devono avere i banner. Fai attenzione che per avere buoni guadagni devi avere anche molto traffico sul tuo blog.
  • Affiliazioni. Con le affiliazioni guadagni una percentuale sui prodotti che vengono acquistati tramite i tuoi link. La cosa importante nel marketing di affiliazione è di raccomandare prodotti e servizi di alta qualità che già usi e di cui ti fidi.
  • Vendita prodotti e servizi. Puoi trasformare il tuo blog in un vero e proprio negozio online, che vende prodotti fisici ma anche digitali. Ci sono vari plugin creati a questo scopo, il più famoso ed usato è sicuramente WooCommerce.

Conclusione

Con questa guida hai tutto il necessario per creare un sito web e aprire un blog con WordPress.

Se dovessi avere problemi, o se desideri qualche consiglio personalizzato, non esitare a contattarmi in qualsiasi momento!

Seguici sulla nostra pagina Facebook ed iscriviti al gruppo di supporto.

Assistenza Gratuita

Se acquisti il servizio hosting SiteGround tramite il nostro link di affiliazione avrai la nostra assistenza gratuita su tutto il processo di installazione e configurazione!

Roberto Delisio

Sono più di 15 anni che lavoro alla realizzazioni di applicativi e siti web. Metto la mia esperienza a disposizione di chi ha necessità di sviluppare o gestire il proprio sito in Wordpress.

>
Condividi2
Pin1
+1
Tweet
Condividi
WhatsApp
3 Condivisioni