Cosa è un Dominio Internet e come ottenerlo

Per la realizzazione di un sito web, uno dei primi passi, è la scelta del "Dominio Internet".  È necessario quindi, avere un'idea ben chiara di cosa sia, e di come funziona.

Nonostante vengano utilizzati da tutte le persone che sono solite navigare in rete, non tutti sanno cosa siano o a cosa servano.
Senza l'utilizzo dei Domini Internet, saremmo costretti ad usare indirizzi numerici (IP) per raggiungere e visitare i Siti Web e per ​usare​ la posta elettronica.
In realtà, si parte da un concetto molto semplice: il Dominio è l’indirizzo testuale che utilizzi per raggiungere e​ visitare un sito su Internet.
Per esempio, l’indirizzo testuale del nostro sito è “WPPOINT.IT”, ma è raggiungibile anche se scrivete “WWW.WPPOINT.IT” e stai per per scoprirne il perché.

Nozione tecniche sui Domini

​Con un indirizzo web classico, del tipo “www.wppoint.it”, ​dobbiamo fare tre distinzioni:

Domini di primo livello

L’ultima parte, “IT” per intenderci, è il TLD (Top Level Domain), che in italiano viene chiamato Dominio di Primo Livello.

Durante i primi anni ​del Web, quando Internet era utilizzato da una piccola parte della popolazione mondiale, i TLD erano limitati e indicavano principalmente la locazione geografica del sito al quale erano associati.
Attualmente ne esistono per tutti i gusti, e sono organizzati in questo modo:

  • I “country code top-level domain” o “ccTLD” sono composti da due lettere ed indicano la locazione geografica del sito o una dipendenza territoriale. Per esempio: IT per Italia, EU per Europa, ES per Spagna e cosi via…
  • I “generic top-level domain” o “gTLD” sono usati, almeno teoricamente, per diverse classi di organizzazioni. Per esempio: COM per organizzazioni commerciali, NET per network di vario genere e cosi via. Di solito sono disponibili in tutto il globo, esclusi i GOV per il governo, MIL per le forze armate ed EDU per enti educativi statunitensi.
  • Gli “infrastructure top-level domain” sono domini di primo livello infrastrutturali, ma di fatto ne esiste uno solo: ARPA.

Domini di secondo livello

La parte centrale, “wppoint” per intenderci, è un Dominio di Secondo Livello.
È l’anima dell’indirizzo di un Sito Web, il nome con il quale identifichiamo il sito stesso.

Nel nostro caso, “wppoint” è stato scelto per diversi motivi (per il fatto che il nostro sito vuole proporsi di fare il punto sul sistema WordPress, o come punto di incontro tra Webmaster e il mondo di WordPress ). Possono esserci infiniti motivi per scegliere un nome piuttosto che un altro. Se decidi di comprare un Dominio Internet durante la lettura di questa guida, al fine d realizzare il tuo primo sito a scopo di studio, ​ti consiglio di dare sfogo alla fantasia in base ai ​tuoi gusti personali.

Da un banale – ma non troppo – punto di vista tecnico, volendo pensare anticipatamente a quando un ignaro navigatore effettua una ricerca su un motore di ricerca, puoi fare diversi ragionamenti.

Poni il caso che​ ​vuoi realizzare un sito che tratti di ​immobili. ​Immagina di voler pagare per ottenere un Dominio di Secondo Livello con la parola “case”. Ignora il TLD, per il momento, e poni l'attenzione sui Motori di Ricerca.

Quando un utente andrà a cercare la parola “case”, probabilmente otterrà una lista di milioni di siti internet dove è contenuta la parola “case”, rendendo difficilmente identificabile e raggiungibile il ​tuo bellissimo e ipotetico sito web che parla proprio di case.

Spesso, chi deve scegliere un nome di Dominio di Secondo Livello, decide di puntare su una parola che non esiste, ​per fa​re in modo che l’unicità stessa del nome scelto, permetta di essere facilmente identificabile nella rete. Uno degli esempi che posso fare è la casa editrice “Tunuè”, di un mio caro amico, che fece proprio questo ragionamento in fase di scelta del Dominio di Secondo Livello.

È ovvio che, se ​decidi di scegliere una parola inventata, ​devi ​essere consapevole che nessuno, almeno all'inizio, cercherà quella parola sui Motori di Ricerca. Inoltre, per giustificare una scelta del genere, ​dovrai curare maggiormente​ l’aspetto promozionale del Sito Web con campagne di vario genere.

Domini di terzo livello

La prima parte, il “www”, è un Dominio di Terzo Livello.
È chiamato “sottodominio”, di livello immediatamente inferiore a quello di Secondo, e generalmente, viene creato in modo gratuito tramite pannello di gestione dell’Hosting (​spesso con cPanel). Questo tipo di dominio viene utilizzato per diversi scopi. In questo caso, il “www” indica che si tratta di un sito che appartiene al “World Wide Web” (letteralmente “rete di grandezza mondiale”).

In principio, ogni sito internet aveva il dominio di terzo livello “www”. Oggi si tende a​d ometterlo e di fatto, se ​provi a digitare sulla barra degli indirizzi del ​tuo browser “wppoint.it”, ​raggiungerai ugualmente anche questo Sito.

Come scegliere un dominio

Quando bisogna scegliere un dominio, si intende l’accoppiata “Dominio di Secondo Livello + Dominio di Primo Livello” (Esempio: wppoint.it).
Prima di registrare un nome di Dominio di Secondo Livello che identifichi il ​tuo Sito Web, e un Dominio di Primo Livello ( TLD come per esempio .IT, .COM, .ORG etc) che sia in linea con il ​tuo progetto, è necessario controllare che il nome in questione non sia stato già registrato da altre persone o aziende. Durante il controllo, se il dominio risulta già registrato a nome di qualcun'altro, puoi contattare il proprietario per vedere se è interessato a venderti il dominio in questione.

Su questo aspetto occorre aprire una parentesi. Esiste un mondo di speculatori, registratori seriali di domini, che tentano di rivendere a caro prezzo i domini che registrano a proprio nome senza avere nemmeno un sito vero.
Per aggirare il problema, basta ​che scegli un Dominio di Secondo o un Dominio di Primo Livello differente, ed il gioco è fatto. Se invece risulta libero, ​puoi semplicemente pagare per registrarlo a ​tuo nome su base annua. Quando si ​dice "registrare un Dominio", ​ci si riferisce all'acquisto ​del singolo Dominio​ soltanto​. Le aziende che offono servizi di Web Hosting, sono solite offire ​pacchetti che comprendono la registrzione del Dominio, ​lo spazio Web e i vari servizi necessari.

Chi acquista soltanto il dominio? 

Se necessario, puoi acquistare il dominio singolarmente e successivamente associare uno spazio Web, che non sia gestito necessariamente dallo stesso erogatore di servizi per il Web.
È bene sapere che un sito può essere raggiunto tramite l'utilizzo di uno o più Domini (come fa per esempio Google: Google.itGoogle.com etc…). Questa prassi, viene utilizzata come strategia aziendale, per evitare che i competitor acquistino lo stesso Dominio di Secondo Livello con un Dominio di Primo Livello differente. Per aggirare tale rischio, acquistando i principali TLD, si evita che gli utenti finiscano per errore sul sito della concorrenza.

Se hai un’attività, ​puoi registrare il nome ​dell’attività stessa. Che sia un’azienda, un ente o un circolo di bridge, il succo non cambia. Ricorda che, se ​registri il nome di un’azienda che non ti appartiene, ​potresti perderlo in un secondo momento e ​doverti munire di un avvocato quindi, prudenza.

​Alcune persone ​​registrano un Dominio di Secondo Livello con il loro cognome per creare degli indirizzi di posta con questa sintassi: nome@cognome.it (o .com, .net e cosi via).
Di solito si cerca di scegliere un nome che sia facile da ricordare, non troppo lungo e che identifichi il progetto per il quale ​si sta realizzando il Sito Web.

Come registrare un dominio

Quale Servizio di Registrazione Domini​ utilizzare?

Se ti serve solo un Dominio, senza lo spazio web e i servizi – detto papale papale – uno vale l’altro. Se invece, stai seguendo questa guida per imparare a fare un sito, devi prendere sia un Dominio che un Piano di Hosting (Spazio Web e i Servizi necessari per il funzionamento di WordPress). A tal proposito, c’è una grandissima differenza tra un gestore ed un altro, in termini di velocità di caricamento, affidabilità del servizio e assistenza.
Noi suggeriamo di utilizzare uno dei seguenti Servizi, in base a quanto illustrato in questo articolo ​L’Hosting migliore per iniziare con WordPress. Ecco qual è.​​​

SOLO DOMINIO: Godaddy (anche in Lingua Italiana)
DOMINIO + PIANO HOSTING: Siteground (anche in Lingua Italiana)

Al di la del Servizio di Registrazione Domini, la procedura sarà sempre la stessa.
Controlla se il dominio è libero, utilizzando l’apposita funzione presente su ogni sito di vendita domini che si rispetti.
Puoi anche controllare il dominio su un sito ed acquistarlo altrove. La ricerca del dominio non comporta alcun obbligo di acquisto, e ovunque verrà effettuata offrirà gli stessi risultati.

Facciamo una prova: vai su GoDaddy e scrivi per esempio “wppoint.it” (senza le virgolette) nell'apposito campo sotto la dicitura “Inizia la ricerca del tuo nome di dominio” e fa un clic sul pulsante CERCA.
Il risultato di questa ricerca, sarà una pagina dove Godaddy si mostrerà dispiaciuto del fatto che, il dominio cercato, è (ovviamente) già stato acquistato da altri e ti proporrà diverse alternative. Questo esempio, serviva per farti vedere cosa succede quando cerchi un dominio che è già occupato.

Premi il pulsante per tornare indietro sul tuo browser o clicca di nuovo su GoDaddy, quindi procedi finalmente a cercare il nome di dominio che vuoi acquistare veramente.

Quando trovi il nome giusto, GoDaddy ti dice che il dominio in questione è libero e che devi assolutamente sbrigarti ad acquistarlo, altrimenti qualcuno potrebbe registrarlo prima di te. IGNORALO, segnati il dominio che hai scelto per ricordarlo o procedi con la registrazione solo nel caso in cui hai ponderato l'acquisto con la dovuta calma.
Nel caso in cui stai seguendo questa guida per imparae e per realizzare il tuo primo sito con WordPress, procedi con la registrazione del Domino e l'acquisto dello Spazio Web e i servizi necessari, seguendo questo articolo: Come installare WordPress su Siteground.

https://www.wppoint.it/installare-wordpress-su-siteground/

Conclusioni

Spesso i tecnicismi e le parole complicano quello che, nell'utilizzo pratico, richiede molto meno impegno mentale per essere compreso. Il consiglio che posso darti è di sperimentare. È importante sapere come funzionano le cose, per evitare di cadere in errori banali che fanno sprecare tempo e denaro.
Se hai dubbi o perplessità, non esitare nel contattarci.

Potrebbe interessarti anche Come creare un sito e aprire un blog con WordPress.

Seguici sulla nostra pagina Facebook ed iscriviti al gruppo di supporto.

    Roberto Delisio

    Sono più di 15 anni che lavoro alla realizzazioni di applicativi e siti web. Metto la mia esperienza a disposizione di chi ha necessità di sviluppare o gestire il proprio sito in Wordpress.

    >

    Non perdere la nostra guida su come correggere gli errori più comuni su WordPress!

    5 Condivisioni
    Condividi5
    Tweet
    Condividi
    Pin
    WhatsApp