28/12/2020

Uno degli aspetti che la maggior parte dei neofiti ignora quando sceglie un tema è l'utilizzo del tema child. In questo articolo vediamo cos'è, quanto utilizzarlo e come crearlo.

Imparare a creare un tema child di WordPress è un'abilità cruciale per chiunque desideri ottenere il massimo dal proprio sito. I temi child sono il modo più sicuro per personalizzare WordPress e ti consentono di cambiare letteralmente qualsiasi cosa sul tuo sito web.

La creazione di un child theme di WordPress è anche un ottimo modo per migliorare le tue capacità di web design e saperne di più sulla piattaforma WordPress. 

Se stai cercando un hosting condiviso di qualità per il tuo sito Web WordPress, con un ottimo rapporto qualità prezzo ti consigli vivamente Scala Hosting . Offrono spazio SSD illimitato, backup automatici gratuiti del sito, hosting ottimizzato per la velocità e supporto tecnico 24/7/365. E come se non bastasse puoi provarlo per un mese a solo 0.99€!

In questo articolo, ti fornirò un'introduzione passo passo su come creare un child theme di WordPress. 

Perché utilizzare un tema child di WordPress?

Prima di iniziare a creare temi figlio, parliamo prima del loro scopo e del motivo per cui vorresti usarli. Per questo, dobbiamo iniziare parlando di temi WordPress in generale.

In altri articoli ho parlato di come scegliere un tema di WordPress e quali differenze ci sono tra un tema Free e un tema Pro. In questo articolo entreremo un po' più nel tecnico analizzando come è fatto un tema, in modo da capire meglio come creare e usare un tema child.

I temi determinano il design del tuo sito web

La bellezza di WordPress (e uno dei motivi principali del suo successo) è che la piattaforma è completamente personalizzabile. Non c'è praticamente nulla che non puoi cambiare o modificare. Non devi nemmeno conoscere il codice per farlo. 

Plugin e temi ti consentono di aggiungere funzionalità e modificare l'aspetto e il comportamento del tuo sito con pochi clic. Basta scaricare, installare e - bam - il tuo sito funziona e ha un aspetto completamente diverso. 

In aggiunta a ciò, i temi sono costituiti da file modificabili, quindi, con una certa conoscenza del codice, puoi apportare al tuo sito le modifiche che desideri. Tuttavia, la modifica diretta del tema principale comporta molti problemi. Tutto questo ha portato società come Elementor, Thrive Themes o Divi a implementare funzionalità che permettono di gestire e personalizzare praticamente ogni parte del tema in modo visuale senza conoscere codice.

Il problema è modificare il tema principale

Anche se usiamo i builder appena citati potremmo comunque aver necessità di aggiungere al nostro sito funzionalità specifiche o fare particolare modifiche del layout che richiedono la modifica delle pagine. Questo avviene modificando i file del tema.

Molte persone, soprattutto i principianti, apportano modifiche direttamente all'interno del loro tema WordPress principale (spesso su un sito live con frammenti di codice copiati da qualche parte sul Web). usando la funzione editor disponibile dal pannello di amministrazione.

Tuttavia, questo non è il modo corretto per farlo.

Perché?

Perché se lo fai, quando viene eseguito un aggiornamento (cosa che accade spesso per un tema ben supportato), tutte le tue modifiche verranno sovrascritteEsatto, tutto il tuo lavoro verrà perso.

Ho avuto modo di vedere siti WordPress non aggiornati perché i proprietari avevamo modificato le pagine del tema principale.

Sfortunatamente, non aggiornare il tuo sito è una pessima idea in quanto lo rende vulnerabile in termini di sicurezza e crea altri spiacevoli problemi. 

Pertanto se modifichi il tema principale: o non aggiorni o perdi le modifiche ogni volta che lo fai. In ambo i caso è un bel guaio.

Inserisci il tema child di WordPress

In che modo i temi child aiutano a risolvere questi problemi? Consentendoti di apportare modifiche a un tema esistente indipendenti dal tema stesso.

Per capirlo, dobbiamo prima parlare di come funzionano i child theme di WordPress. I temi child non sono come i temi normali essi dipendono dal tema principale o genitore senza il quale non potrebbero funzionare.

Come lavorano insieme?

Fondamentalmente, ogni volta che il tuo sito viene caricato, WordPress prima verifica se c'è un tema child e se non lo trova carica il tema principale.

Un tema child può modificare e aggiungere a tutto ciò che è già presente nel suo genitore. A tal fine, i temi child possono contenere modelli di pagina, file CSS e JavaScript, immagini e molto altro (anche se non necessariamente). Con il loro aiuto, puoi modificare il design, la funzionalità, il layout e altri aspetti del genitore senza dover creare un tema completamente nuovo.

Che cos'è un tema child rispetto a un tema genitore?

Il tema child è una genialata, ti permette di apportare modifiche al tema senza rinunciare agli aggiornamenti. Esso può essere creato solo per temi che ne prevedano l'esistenza, per esempio se usi Thrive Theme Builder non puoi usare un tema child perché non è necessario  non è previsto in quanto il tema viene costruito, da te, in ogni singola parte con un builder visuale. Se vuoi saperne di più leggi Recensione Thrive Theme Builder: un tema completamente differente rispetto a tutti gli altri.

Ci sono comunque temi più adatti di altri, ovvero scritti in modo tale da essere particolarmente predisposti ad vere un tema child. Ad esempio, il tema Genesis di StudioPress (ora di proprietà di WP Engine ) è un framework di temi creato appositamente per essere modificato da temi child. Il tema principale di solito è presente solo per fornire la struttura e le funzionalità di base, tutto il resto è gestito nel tema child (di cui ne offrono molti sul loro sito ). Un altro tema predisposto all'utilizzo del tema child è Astra, se acquisti Astra Pro inoltre avrai anche una funzionalità di creazione del tema child che ti permetterà di configurarlo da zero con pochi semplici click.

Vantaggi dei temi child (e quando usarne uno)

Come accennato, il vantaggio principale dell'utilizzo di un tema figlio è che ti consente di apportare modifiche al tuo sito in modo sicuro. Tuttavia, questo comporta altri vantaggi:

  • Risparmio di tempo : i temi child di WordPress eliminano la necessità di creare un intero tema. Invece puoi usare le risorse esistenti e costruirle sopra.
  • Concentrati sul design : puoi utilizzare le sofisticate funzionalità dei framework dei temi e dei temi principali personalizzando il design a tuo piacimento.
  • Migliore organizzazione : conserva tutte le modifiche nello stesso posto. Non c'è bisogno di rintracciarli in seguito in un tema che può contenere migliaia di righe di codice.
  • Facilmente reversibile : disattiva tutte le personalizzazioni semplicemente disattivando il tema child.
  • Impara facendo : la creazione di temi child ti consente di saperne di più sul web design, i temi e il funzionamento interno di WordPress sul lavoro.

Arrivati a questo punto potrebbe sembrare che sia sempre meglio usare un tema child quando usi WordPress, bene... non è proprio così.

Se le modifiche che stai pianificando sono piccole variazioni (come cambiare un colore o un carattere), potrebbe essere sufficiente scrivere dei CSS personalizzati previsti dalla personalizzazione del tema.

Tuttavia, per modifiche più grandi come la modifica del layout, la creazione di nuovi modelli di pagina o operazioni elaborate in modo simile, i temi child sono la strada da percorrere.

A questo punto vediamo passo passo come creare un tema child.

Ecco, passo passo, come creare manualmente un tema child WordPress

Come vedrai di seguito, un child theme non ha bisogno di molto. Alla fine, si tratta di una cartella, un foglio di stile e un file php chiamato functions.php

Per l'esempio seguente, userò Twenty TwentyPuoi eseguire i passaggi successivi direttamente sul tuo server tramite FTP o CPanel se usi hosting come Scala. Tuttavia, consiglio di utilizzare un ambiente di sviluppo locale o un sito web di prova invece di un sito live in modo da poter commettere errori senza che nessuno se ne accorga. Dopodiché, comprimi semplicemente il tema figlio e installalo tramite Aspetto> Temi come qualsiasi altro.

Iniziamo.

1. Crea una nuova cartella all'interno della directory dei temi

Inizieremo con la cartella del tema child. Deve trovarsi nella directory dei temi del tuo sito. Lo trovi nella tua installazione di WordPress sotto wp-content/themes.

Dopo aver navigato in questa posizione, tutto ciò che devi fare è fare clic con il tasto destro e creare una nuova directory. Nomina la cartella come il tema principale con l'aggiunta di
-child

Diciamo che questo modo di nominare la cartella è una convenzione, teoricamente puoi nominare la nuova directory come preferisciAssicurati solo di adattare di conseguenza gli esempi di codice seguenti. Inoltre, non includere spazi nel nome della directory!

Seguirò il percorso classico e chiamerò semplicemente la mia directory twentytwenty-child.

2. Creare il foglio di stile

Il prossimo passo nella creazione di un tema child di WordPress è la configurazione del foglio di stile. Questo è il file che contiene il codice CSS del tema. Determina gran parte del design del tuo tema.

I temi possono avere più fogli di stile, ma per ora uno è sufficiente. Tutto ciò che serve è creare un file di testo e assegnargli il nome style.css

Per farlo funzionare in WordPress, è necessario aggiungere un'intestazione del foglio di stile. Questo è un pezzo di codice che contiene informazioni importanti sul tema child. Di seguito è riportato un esempio, che ho preso dal Codex di WordPress .

/*
Theme Name: Twenty Fifteen Child
Theme URI: http://example.com/twenty-fifteen-child/
Description: Twenty Fifteen Child Theme
 Author: John Snow
Author URI: http://example.com
Template: twentyfifteen
Version: 1.0.0
License: GNU General Public License v2 or later
License URI: http://www.gnu.org/licenses/gpl-2.0.html
Tags: light, dark, two-columns, right-sidebar, responsive-layout, accessibility-ready
Text Domain: twentyfifteenchild
*/

Ecco cosa significano le diverse linee:

  • Nome del tema : il nome del tema child. Questo verrà visualizzato nel back-end di WordPress.
  • Theme URI - Un sito web o una pagina demo che appartiene a questo tema. Questo o l'URI di un autore è obbligatorio affinché un tema venga accettato nella directory dei temi di WordPress .
  • Descrizione : una descrizione del tema che viene visualizzata anche nel back-end di WordPress.
  • Autore : il nome dell'autore del tema. Puoi mettere il tuo nome qui.
  • Modello : questa parte è la più cruciale. Qui va il nome del tema principale, ovvero il nome della directory nella cartella del tema. Se ciò non è corretto, il tema child non funzionerà.
  • Versione : la versione del tema figlio, solitamente 1.0.
  • Licenza : la licenza con cui è disponibile il tema figlio. I temi nella directory di WordPress sono generalmente rilasciati con licenza GPL . Dovresti mantenere la stessa licenza del tema principale.
  • URI della licenza : un collegamento a una descrizione dettagliata della licenza. Di nuovo, segui quello che dice il tuo tema principale.
  • Tag : i tag aiutano gli altri a trovare temi all'interno della directory di WordPress.
  • Dominio del testo : informazioni importanti per internazionalizzare il tema e renderlo traducibile. Una pratica comune consiste nell'usare l'URL del tuo tema nella directory.

A dire il vero non tutte le voci viste fino ad ora sono necessarie perché il tema child funzioni basterebbe solo il nome ed il template. Possiamo quindi ridurre il codice a come segue:

/*
Theme Name: Twenty Twenty Child Theme
description: A child theme of the Twenty Twenty default WordPress theme
 Author: John Snow
Template: twentytwenty
Version: 1.0.0
*/

3. Attiva il tema child

Una volta che la tua directory è a posto e il foglio di stile inserito all'interno, sei già in grado di attivare il tuo child theme di WordPress. Per questo, vai su Aspetto> Temi . 

Per attivare il tuo tema, passa semplicemente sopra di esso e fai clic sul pulsante AttivaQuesto dovrebbe cambiare il tema attivo del tuo sito con il tuo nuovo child theme. Tuttavia, c'è un problema: quando ora vai al tuo front-end, il tuo sito ha un aspetto simile a questo:

Che robaccia! Non preoccuparti però, perché era tutto previsto. In realtà il foglio di stile che abbiamo creato precedentemente è vuoto e quindi WordPress non ha indicazioni su quale stile caricare. Quello che faremo nel prossimo passo sarà di andare ad ereditare lo stile del tema padre tramite poche righe di codice PHP.

4. Crea functions.php

Nella cartella del tema child crea la pagina functions.phpQuesta è la parte del tema che ti consente di apportare importanti modifiche alle funzionalità al tuo sito. Tramite questo file puoi aggiungere funzionalità o modificare il layout di WordPress tramite codice PHP.

Ad esempio, puoi usarlo per creare nuove aree widget , aggiungere caratteri al tuo sito e molto altro ancora . 

Dopo aver creato il file aprilo e incolla il seguente pezzo di codice: <?php

5. Eredita gli stili del tema principale

Ora che il file functions.php è creato andiamo ad inserire il codice che permetterà al tema child di ereditare lo stile del tema padre

Potremmo importare il foglio di stile direttamente dentro il file css del tema child tramite la chiamata:

@import url("../twentytwenty/style.css");

Questo sistema però è sconsigliato perché alcuni temi hanno più file css e questo rallenta il caricamento del sito, infatti costringerà il browser a scaricarli uno dopo l'altro invece che tutti in una volta. 

Con il PHP possiamo utilizzare wp_enqueue_style(), una funzione di WordPress creata appositamente per il caricamento dei fogli di stile. Ecco il codice che andremo ad inserire:

// enqueue parent styles

function ns_enqueue_styles() {
wp_enqueue_style( 'parent-style', get_template_directory_uri() . '/style.css' );
}

add_action( 'wp_enqueue_scripts', 'ns_enqueue_styles' );

Twenty Twenty e altri temi di WordPress (come Astra) sono impostati in modo che tutto ciò che aggiungi a style.css del tema child verrà eseguito dopo gli stili principali. 

Assicurati di incollare il codice all'inizio del file delle funzioni (ma dopo il tag  <?php 
di apertura ). Dopo averlo salvato nella directory del tema child, ricarica il tuo sito e ora il layout dovrebbe essere ok.

6. Aggiungere un'anteprima del tema

Non ci resta altro da fare che aggiungere una miniatura del tema.

Crea una immagine del tema chiamata screenshot.png.

Puoi fare lo screenshot del tema con un'estensione di Chrome come Nimbus, oppure usare Firefox facendo semplicemente clic con il pulsante destro del mouse su una pagina o utilizzando il menu Azioni pagina e scegliendo Acquisisci schermata.

La dimensione consigliata è 880 × 660 pixel, anche se 387 × 290 è sufficiente. La risoluzione più alta fa solo in modo che abbia un bell'aspetto su schermi più grandi. Inoltre, puoi anche utilizzare un JPG o GIF, tuttavia, PNG è il formato consigliato.

Se non hai necessità di farlo quando il tuo tema child è completato e quindi differente dal tema genitore puoi anche salvare direttamente lo screenshot del tema genitore dalla dashboard di WordPress facendo semplicemente tasto destro sull'immagine e poi salva con nome.

Una volta salvata l'immagine caricala nella cartella del tema child e apparirà l'anteprima nella dashboard di WordPress.

Creazione di un tema figlio di WordPress tramite plug-in

Se desideri utilizzare un plugin per creare un child theme di WordPress, ci sono diverse opzioni. Questi includono Child Theme Creator di Orbisius ,  Child Theme Wizard e Child Theme Generator .

Il più popolare è Child Theme Configurator , che è quello che useremo qui.

Dando per scontato che sai come installare un plugin (se non lo sai leggi Plugin di WordPress, cosa sono, a cosa servono e come installarli), andiamo direttamente all'utilizzo di Child Theme Configuration.

1. Avviare il processo

Dopo l'installazione, trovi le opzioni per creare un nuovo tema figlio in Strumenti> Child Theme :

In questa schermata, scegli prima l'azione che desideri eseguire. In questo caso si tratta di creare un nuovo tema figlio. Quindi, utilizza il menu a discesa in basso per scegliere il tema principale (Twenty Twenty in questo esempio). Premi AnalyzeIl plugin controllerà quindi il tema principale per eventuali dipendenze e potenziali problemi.

2. Configurazione

Al termine, ti mostrerà il risultato dell'analisi e opzioni aggiuntive.

Ecco come compilarli:

  • Assegna un nome alla nuova directory del tema : scegli un nome di directory per il tuo tema figlio.
  • Seleziona dove salvare nuovi stili : scegli se salvare stili aggiuntivi nel foglio di stile principale del tema figlio o crearne uno separato. Lo lascio così com'è.
  • Gestione dei fogli di stile : ha a che fare con l'importazione degli stili principali di cui abbiamo parlato in precedenza. Nella maggior parte dei casi, dovrebbe rimanere così com'è. Presta attenzione all'impostazione Ignora i fogli di stile del tema principale quando lavori con un framework di temi come Genesis .
  • Personalizza gli attributi del tema secondario : quando fai clic sulla casella grigia, puoi modificare il nome del tema secondario, il sito Web, l'autore e altre cose che abbiamo aggiunto in precedenza all'intestazione del foglio di stile.
  • Copia menu, widget, ecc .: Consente di sovrascrivere menu, widget e altre impostazioni di Customizer nel tema figlio con quello del genitore. Lo lascio disattivato.

Dopo aver compilato tutto, premi il grande pulsante blu che dice Crea un nuovo tema figlio .

3. Controlla il tuo lavoro

Una volta dato l'ok il plugin creerà il tema child e controllerà se tutto funziona correttamente. Oltre a ciò, ti fornirà un collegamento nella parte superiore dello schermo in cui puoi visualizzare in anteprima il tema figlio prima di attivarlo. 

A parte questo, quando navighi nella directory del child theme sul tuo server, vedrai che contiene esattamente gli stessi file che abbiamo creato, a mano, in precedenza. All'interno troverai anche un'intestazione del foglio di stile molto simile e una funzione per accodare gli stili principali.

Ovviamente, il plugin Child Theme Configurator offre molte più funzionalità per personalizzare il tuo tema child che non facendolo a mano anche se con questa seconda opzione hai più libertà di movimento.

Se stai cercando un hosting condiviso di qualità per il tuo sito Web WordPress, con un ottimo rapporto qualità prezzo ti consigli vivamente Scala Hosting . Offrono spazio SSD illimitato, backup automatici gratuiti del sito, hosting ottimizzato per la velocità e supporto tecnico 24/7/365. E come se non bastasse puoi provarlo per un mese a solo 0.99€!

Il tema child di WordPress non funziona? - Problemi comuni e soluzioni

Come hai visto creare un child theme di WordPress non è poi così difficile. In pratica si riduce ad un semplice copia e incolla. Inoltre, fatto una volta puoi rifarlo ogni volta che vuoi.

Tuttavia, non sempre le cose vanno per il verso giusto. In quest'ultima parte, ho raccolto alcuni problemi comuni che potresti incontrare quando lavori con temi child e suggerimenti su come risolverli.

Il tema figlio di WordPress non viene caricato style.css

Un problema tipico è che il foglio di stile del tema child non viene caricato. In tal caso, ci sono diverse opzioni per scoprire cosa sta succedendo:

  • Controlla la tua chiamata all'interno functions.php Tralasciare solo un punto e virgola o un altro piccolo elemento può generare un errore e non far funzionare il codice. Quindi, la prima cosa da controllare quando il tuo CSS non funziona è la chiamata PHP. Indica il percorso giusto, comprese eventuali sottocartelle? Ci sono meri errori di battitura sul percorso del file? Controlla sempre prima le cose più semplici.
  • Rivedi l'architettura del tema principale : alcuni temi non utilizzano un singolo style.css. Possono usare diversi file CSS in directory diverse. In tal caso, è necessario assicurarsi di mantenere le dipendenze del genitore e accodare i fogli di stile di conseguenza. Ciò significa che se il foglio di stile del tema principale ha un nome diverso e risiede in una sottocartella del tema (ad esempio css/main.css), è necessario fare lo stesso nel tema figlio e utilizzare il percorso quando si accodano gli stili padre. 
  • Modificare la priorità : se non accodate gli stili padre e figlio nella stessa funzione (determinando così il loro ordine), a volte può accadere che gli stili padre vengano caricati dopo gli stili figlio. In tal caso, sovrascriveranno le modifiche dal tema figlio anziché il contrario. Un possibile rimedio a ciò è modificare la priorità della funzione che richiede quella del child style.cssPer questo, aggiungere un terzo parametro alla funzione in questo modo: add_action( 'wp_enqueue_scripts', 'ns_enqueue_styles', 11 );. Notare l'11 alla fine. Poiché 10 è la priorità predefinita, ciò significa che questa funzione viene eseguita più tardi di qualsiasi altra cosa. Prova numeri ancora più alti se continua a non funzionare.

Il CSS del tema figlio non sovrascrive il padre

Un altro problema comune in cui incappare è che il foglio di stile si sta ovviamente caricando (ad esempio, appare nel codice sorgente della pagina) ma le tue modifiche non vengono ancora visualizzate. In tal caso, potrebbe essere uno dei problemi seguenti.

  • Il tuo selettore CSS non è abbastanza specifico - A volte, quando provi a sovrascrivere uno stile, devi usare un selettore CSS molto specifico per cambiare un elemento. Ad esempio, se si utilizza  .navigation-top a all'interno del foglio di stile del tema figlio ma il tema principale utilizza .navigation-top li a, gli stili padre sono più specifici. Pertanto, il tema figlio non li sovrascriverà. Per risolvere questo problema, è necessario utilizzare lo stesso selettore o uno più specifico per sovrascrivere correttamente gli stili principali. Dai un'occhiata a questo post per ulteriori informazioni su questo argomento.
  • Stai importando gli stili genitore alla fine del tuo foglio di stile - Se stai usando @import per caricare i tuoi stili genitore (cosa che ti ho ripetutamente sconsigliato, ma vabbè), assicurati assolutamente che @import sia posta all'inizio del figlio foglio di stile del tema. Se posizionato alla fine, caricherà semplicemente gli stili padre dopo gli stili figlio e quindi li sovrascriverà.
  • Potrebbe essere un problema di cache: se hai un plug-in di memorizzazione nella cache attivo (o un CDN - Content Delivery Network), a volte può impedire al browser di riconoscere le modifiche. In tal caso, prova a disattivare la memorizzazione nella cache. 

Functions.php non funziona

Dopo il foglio di stile anche il file PHP può essere origine di erroriEcco cosa controllare se pensi che sia il problema.

  • Manca tag di apertura PHP o posizione errata - il tag <?php è un indicatore importante. Definisce dove inizia il file. Di conseguenza, l'aggiunta di qualsiasi cosa prima di questo punto non verrà eseguita nel tema e potrebbe effettivamente finire stampata sul tuo sito.
  • Priorità sbagliata - Abbiamo già parlato della priorità per i problemi del foglio di stile in precedenza. Può anche essere in questione per altre funzioni nel file. Poiché le funzioni padre vengono eseguite dopo le funzioni figlio per impostazione predefinita, possono sovrascrivere le seconde. Per evitare che ciò accada, è necessario aumentare la priorità delle funzioni figlie per farle eseguire in seguito.
  • Priorità mancante durante la rimozione delle funzioni genitore - Se stai tentando di sostituire una funzione genitore ma non funziona, tieni presente che devi includere tutte le priorità presenti nell'originale. Quindi, se la funzione genitore è add_action( 'widgets_init', 'parent_function', 15 );, è necessario rimuoverla nel tema figlio come remove_action( 'widgets_init', 'parent_function', 15 ); affinché abbia effetto.

File modello tema figlio non funzionante

Infine, potresti trovarti nella situazione in cui il tuo tema figlio non sembra sovrascrivere i file principali. In tal caso, ecco come potresti risolverlo:

  • Targeting di qualcos'altro oltre ai file modello? - Prima di tutto, è necessario rendersi conto che l'override funziona solo per i file template. Ciò significa file che forniscono una struttura alla visualizzazione delle pagine. Hanno rigide convenzioni di denominazione, che puoi trovare nella gerarchia dei  template . Non è possibile sovrascrivere arbitrariamente qualsiasi file PHP nel tema principale includendo una copia modificata nel tema figlio.
  • Controlla nomi e percorsi dei file : se l'override continua a non funzionare, è probabile che ci sia qualcosa di sbagliato nel nome del file o nel percorso del file. Tieni presente che, per sovrascrivere un file principale, il file secondario deve avere lo stesso identico nome (o un nome più specifico, vedi la gerarchia) e risiedere anche nella stessa posizione relativa del tema principale. Quindi, se il file si trova in una sottocartella nel tema principale, deve trovarsi in una sottocartella con lo stesso nome nel tema figlio.

Temi Child - Considerazioni Finali

I temi child sono una delle migliori caratteristiche di WordPress. Consentono di modificare i temi in modo sicuro, flessibile e altamente economicoPer questo motivo, imparare a creare un child theme di WordPress è una delle prime cose da fare quando si approfondisce il lavoro con WordPress.

Sopra hai imparato tutto quello che c'è da sapere su questo argomento. Abbiamo parlato di quando è ragionevole utilizzare un child theme e di quando altre soluzioni sono più appropriate. Abbiamo esaminato come creare un tema figlio di WordPress passo dopo passo a mano e tramite plug-in e abbiamo anche dato dei suggerimenti per la risoluzione dei problemi quando il child theme di WordPress non funziona.

A questo punto, probabilmente ti sarai reso conto che creare un tema figlio non è difficileIn effetti, ha bisogno di pochissimo, solo una directory e due file. Tuttavia, con questa semplicità arrivano molte possibilità. Puoi utilizzare temi figlio per rinnovare completamente il tuo sito senza dover modificare alcun file del tema principale o principale. Dalle singole modifiche allo stile alle funzioni e all'intero file modello, non c'è nulla che non puoi modificare o aggiungere al tuo sito.

Se qualcosa non è chiaro, non esitate a scrivermi nei commenti o contattarmi . Sarei felice di aiutarti.

Se ancora non l'hai fatto seguici sulla nostra pagina Facebook ed iscriviti al gruppo di supporto e al canale YouTube.

Articoli Correlati

Marzo 24, 2021

Panoramica di Crocoblock: cassetta degli attrezzi per Elementor ricca di funzionalità

Marzo 10, 2021

Astra: tema WordPress veloce ricco di funzionalità

Febbraio 12, 2021

Sicurezza WordPress: come ridurre il rischio di attacchi hacker

Sull'autore

Roberto Delisio

Sono più di 15 anni che lavoro alla realizzazioni di applicativi e siti web. Metto la mia esperienza a disposizione di chi ha necessità di sviluppare o gestire il proprio sito in Wordpress.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}
>

Scarica l'ebook per evitare e risolvere i 10 errori più comuni su WordPress

10 Condivisioni
Share10
Tweet
Share
Pin
WhatsApp