Velocizzare WordPress: come aumentare la velocità del tuo sito web

Velocizzare WordPress è sicuramente uno dei primi obiettivi che devi porti se vuoi migliorare i risultati ottenuti con il tuo sito Web. In questo articolo vediamo come fare e quali strumenti usare senza necessità di conoscere HTML e programmazione.

Ci sono molti fattori che possono rallentare un sito WordPress, l'hosting, il tema, i plugin, le immagini. Alcuni siti arrivano ad avere tempi di caricamento di 10 secondi ed oltre Ovviamente è scontato dire che un sito che impieghi tutto questo tempo a caricarsi è destinato a fare poche visite.

Diciamo che se impiega più di 5 secondi a caricarsi hai un problema serio, se ne impiega da 3 a 5 devi capire come ottimizzare, se ne impiega meno di 3 devi lavorare di fino ma hai già un sito con buone prestazioni.

In questo articolo ti elenco 15 suggerimenti su come velocizzare WordPress vedendo quali sono gli strumenti, le impostazioni e i plugin che possono esserti utili.

Perchè velocizzare WordPress?

Ci sono almeno tre ottimi motivi per cui è necessario, anzi obbligatorio, velocizzare WordPress:

  • Abbandono da parte del visitatore. La soglia dell'attenzione di una persona è circa 7 secondi, questo vuol dire che se il tuo sito non è sotto questo valore con ogni probabilità verrà abbandonato dall'utente ancor prima di essere caricato. 
  • Ottimizzazione SEO. La velocità di caricamento delle pagine ha un effetto diretto sul posizionamento. Google premia le pagine più veloci, per cui più velocità = più page ranking.
  • Ottimizzazione delle risorse. Ottimizzando il tuo sito WordPress puoi sfruttare a pieno le risorse del server, al contrario dovresti prendere server più veloci spendendo più soldi.

In pratica se vuoi più traffico e clienti devi ottimizzare il tuo sito WordPress il più possibile.

Come verifico l'effettiva velocità?

Per verificare i tempi di caricamento del tuo sito WordPress non è sufficiente contare i secondi che impieghi a caricarlo dal tuo PC.

Poiché visiti spesso il tuo sito web, i browser moderni come Chrome memorizzano le pagine web nella cache e le caricano automaticamente non appena inizi a digitare un indirizzo. Il risultato è che vengono caricate quasi istantaneamente.

Per questo ti consiglio di usare specifici tools, tutti gratuiti, per fare i test di velocità sul tuo sito WordPress.

Puoi usare: 

  • Pingdom (scegli come location del test Stoccolma)
  • GTMetrix
  • WebPageTest.org (scegli come location Milano)
  • PageSpeed Insights (non è realmente uno speed test ma da molte indicazioni su come ottimizzare il tuo sito)

Una buona velocità di caricamento dovrebbe essere intorno ai 3 secondi, un'ottima velocità di caricamento sotto i 2 secondi.

Perchè il sito è lento?

Prima di capire come velocizzare WordPress è bene vedere quali sono alcuni dei motivi per cui carica lentamente.

Se hai fatto il test con pingdom avrai sicuramente ricevuto una serie di raccomandazioni molto tecniche di difficile comprensione per chi non è addetto ai lavori. Vediamo, quindi, in un linguaggio più semplice quali possono essere le cause che rallentano il caricamento delle pagine di WordPress

  • Hosting. è il fattore principale che influenza la velocità di un sito Web. Server poco performanti ti tagliano le gambe. Se sei agli inizi puoi scegliere un hosting condiviso, ma se già hai un discreto traffico è necessario l'utilizzo di una soluzione che garantisca più risorse. Per saperne di più guarda quali sono, secondo noi, i migliori hosting per WordPress.
  • Tema e plugin. Una scelta sbagliata del tema e dei plugin installati potrebbe compromettere le performance del tuo sito WordPress. Con scelta sbagliata intendo con codice non ottimizzato che rende più pesante il caricamento delle pagine.
  • Troppi plugin. Avere troppi plugin attivi e installati rallenta il caricamento delle pagine.
  • Times
    Gestione Immagini. Caricare immagini troppo grandi rallenta pesantemente il caricamento delle pagine.

Ora che sai cosa rallenta il tuo sito, diamo un'occhiata a come velocizzare WordPress.

Prima di iniziare a fare qualsiasi cosa, però, fai un bel backup usando UpdraftPlus.

Cosa fare per velocizzare WordPress

Velocizzare WordPress

1# - Scegli un hosting veloce e affidabile

Ho già detto che questo è il fattore principale che influenza la velocità di un sito Web, quindi il primo punto per migliorare le prestazioni è, sicuramente, assicurarsi che il tuo hosting sia performante. Ci sono centinaio di società che vendono servizi di hosting, noi, al momento, ne abbiamo selezionate 5. Esse sono:

Scegli una di queste e vai sul sicuro, se vuoi saperne di più leggi ​I migliori hosting per WordPress. Le tipologie e le caratteristiche fondamentali.​​​

2# - Utilizza un tema leggero e performante

La scelta del tema è un momento critico nella costruzione del tuo sito Web, sbagliarla può essere una vera e propria rottura di scatole. Dopo anni di esperienza sono giunto alla conclusione che la scelta migliore è scegliere un tema leggero, a cui aggiiungere eventualmente le funzionalità di cui necessiti.

Per esperienza temi molto strutturati, ricchi di funzionalità fantastiche hanno il difetto che vengono caricati molto lentamente. I temi più veloci tra cui puoi scegliere secondo me sono, in ordine:

3# - Utilizza un CDN (content delivery network)

Un servizio di Hosting molto performante potrebbe non essere sufficiente a garantire una buona esperienza utente a visitatori di tutto il mondo. Questo perché per un visitatore che vive lontano da dove sono situati i server le pagine del tuo sito saranno caricate più lentamente.

L'utilizzo di una CDN ti permette di garantire una buona esperienza utente anche a visitatori che sono geograficamente molto lontani da dove sono situati i server. Un CDN è una rete composta da server in tutto il mondo. Ogni server memorizza i file "statici" utilizzati per creare il tuo sito web. I file statici sono file immutabili come immagini, CSS e JavaScript, a differenza delle pagine di WordPress che sono "dinamiche"

Quando si utilizza un CDN, ogni volta che un utente visita il tuo sito Web, i file statici vengono caricati dal server più vicino. Questo comporta anche un'ottimizzazione delle risorse del server hosting perché alcune delle richieste saranno servite dalla CDN.

4# - Rimuovere i plugin non necessari

La tentazione di installare plugin che sembrano una figata è forte, sopratutto agli inizi. Purtroppo più plugin si hanno attivi più si rallenta il caricamento delle pagine. Cerca di installare e attivare solo quelli necessari.

Accedi alla lista dei plugin dal pannello di WordPress, vedi quali hai attivi e per ognuno chiediti se è strettamente necessario al funzionamento del tuo sito. Se puoi farne a meno disattivalo e aspetta qualche giorno per cancellarlo, in questo tempo verifica che tutto funzioni correttamente.

5# - Usa slider ottimizzati o non usarli affatto

Gli slider sono elementi molto comuni nei temi di WordPress, la maggior parte dei temi presenti su ThemeForest utilizza uno slider nella Homepage. Senza entrare nel merito se siano utili o meno, è bene sapere che il loro utilizzo rallenta il caricamento delle pagine. 

Per cui se vuoi velocizzare WordPress non usarli. Se proprio non puoi farne a meno scegline uno che sia altamente performante. Qui di seguito una tabella presa da wpbeginners.com che mostra dati importanti riferiti alle performance degli slider più utilizzati.

Slider

Caricamento

Richieste

Dimensioni

Soliloquy

1.34 secs

26

945 KB

Nivo Slider

2.12 secs

29

1 MB

2.32 secs

27

1.2 MB

2.25 secs

29

1 MB

2.12 secs

30

975 KB

6# - Ottimizzare le immagini

Questo è un punto importantissimo, necessario per velocizzare WordPress. Per esperienza diretta ho visto siti con immagini caricate di 3MB, ovviamente gestiti da principianti che non si rendono conto di quanta differenza c'è, in termini di velocità di caricamento, tra caricare un'immagine di quelle dimensioni e una di 30kb.

Le dimensioni di un'immagine non dovrebbero mai superare i 100kb per cui prima di caricarle ridimensionale e comprimile. Per fare questo puoi usare tools online come:

Se già le hai caricate ridimensionale utilizzando la funzione di modica di WordPress e comprimile utilizzando plugin per l'ottimizzazione. Te ne consiglio due molto validi.

Le immagini da utilizzare sono JPEG o PNG. Le prime sono immagini con compressione le seconde no.

  • Le immagini compresse perdono un po' di qualità durante la compressione ma sono super indicate per il web in quanto caricano molto velocemente.
  • Le immagini non compresse, d'altra parte, sono di qualità più elevata, ma impiegano più tempo a caricarsi a causa delle dimensioni del file più grandi.

Quindi quando usare le uno o le altre?

Usa le PNG per sfondi o se hai necessita di avere immagini con sfondo trasparente, usa le JPEG per tutti gli altri casi.

7# - Installa un plugin di caching

Utilizzare un plugin di caching è utilissimo per velocizzare WordPress. Ce ne sono molti disponibili e lavorano salvando una copia delle pagine in cache in modo che possano essere caricate velocemente senza fare richieste al server. I vantaggi sono:

  • Migliora drasticamente la velocità e le prestazioni del sito.
  • Riduce le chiamate al server e quindi l'utilizzo dirisorse come la CPU
  • Aumenta il page ranking aumentando la velocità di caricamente
  • Migliora l'esperienza utente.

Quali plugin usare? I più usati sono WPRocket e WP Total cache. Il primo è a pagamento il secondo gratuito. Il mio consiglio è di usare WPRocket  in quanto, più che un  plugin di caching è un all-in-one per l'ottimizzazione di WordPress. Ha un serie di funzionalità che ti permettono di non installare plugin aggiuntivi e che vanno a coprire anche i punto 8,9 e 10 di questa guida.

8# - Abilita GZIP compression

GZIP compression è un metodo di compressione per HTML, CSS e JAVASCRIPT. Lo puoi abilitare aggiungendo al file .htaccess il seguente codice.

<IfModule mod_deflate.c>
# Compress HTML, CSS, JavaScript, Text, XML and fonts
AddOutputFilterByType DEFLATE application/javascript   AddOutputFilterByType DEFLATE application/rss+xml

AddOutputFilterByType DEFLATE application/vnd.ms-fontobject AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font-opentype AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font-otf
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font-truetype AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-font-ttf
AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-javascript AddOutputFilterByType DEFLATE application/xhtml+xml
AddOutputFilterByType DEFLATE application/xml
AddOutputFilterByType DEFLATE font/opentype
AddOutputFilterByType DEFLATE font/otf
AddOutputFilterByType DEFLATE font/ttf
AddOutputFilterByType DEFLATE image/svg+xml
AddOutputFilterByType DEFLATE image/x-icon
AddOutputFilterByType DEFLATE text/css
AddOutputFilterByType DEFLATE text/html
AddOutputFilterByType DEFLATE text/javascript
AddOutputFilterByType DEFLATE text/plain
AddOutputFilterByType DEFLATE text/xml
# Remove browser bugs (only needed for really old browsers)
BrowserMatch ^Mozilla/4 gzip-only-text/html 

BrowserMatch ^Mozilla/4\.0[678] no-gzip
BrowserMatch \bMSIE !no-gzip !gzip-only-text/html
Header append Vary User-Agent
</IfModule>

Oppure usando WPRocket o WP Total cache che lo fanno in automatico.

9# - Ottimizza il tuo database

L'ottimizzazione del database è una di quelle cose che non tutti sanno quando si tratta di velocizzare WordPress.

WordPress utilizza un database MySql per memorizzare i dati, puoi saperne di più leggendo Database MySql: come funziona e perché è indispensabile per WordPress.

Anche qui puoi affidarti all'utilizzo di plugin, come WP-Optimize o WPRocket.

WP-Optimize è semplice da usare, spunti le ottimizzazione che vuoi fare e le esegui.

Anche in questo caso, per evitare di installare un altro plugin, potresti usare WPRocket che, in aggiunta, esegue in automatico la pulizia settimanale del database.

10# - Minimizza Javascript e CSS

I file Javascript e CSS, che vengono caricati per il corretto funzionamento di WordPress, contengono oltre al codice indispensabile anche caratteri non necessari come commenti e spazi vuoti. Questi caratteri aumentano le dimensioni dei file rallentando così il caricamento delle pagine. 

Minimizzare vuol dire eliminare i caratteri non necessari dai file e ridurre così la loro dimensione.

Per fare questo ci sono vari plugin, quelli che utilizziamo noi sono WPRocket o Autoptimize.

Attenzione!

Può succedere che minimizzare JS e CSS possa avere degli effetti non desiderati sul funzionamento del sito e sul layout. Fai molto attenzione. Ti consiglio di minimizzare un tipo di file alla volta e verificare che tutto funzioni correttamente.

11# - Rimuovi il Query Strings dagli URL

Il Query String è la parte di un URL che contiene dei dati da passare in input ad un programma. Li riconosci perché sono dopo i carattere "?" e "&".

La rimozione dei query string non servirà a velocizzare WordPress, ma può aiutare a migliorare il punteggio durante il test con Pingdom o GTMetric.

Puoi usare WPRocket o altri plugin come WP Disable.

12# - Usa l'ultima versione di PHP

PHP è il linguaggio di programmazione con cui è scritto WordPress. Negli anni sono stati apportati vari aggiornamenti, nel momento in cui scrivo siamo alla 7.2.

Ogni aggiornamento è in ottica di ottimizzazione ed evoluzione del linguaggio per cui usare la versione più recente sicuramente ti garantisce di velocizzare il tuo sito WordPress

Ma allora perché il servizio di hosting non lo fa in automatico?

Perché una nuova versione di PHP potrebbe non essere compatibile con il tuo tema e quindi generare degli errori e creare malfunzionamenti. 

Per testare che il tuo tema sia compatibile con l'ultima versione di PHP, o con una delle più recenti, usa il plugin PHP Compatibility Checker, se non sai con quale versione stai lavorando puoi chiedere al provider o usare un altro plugin Display PHP Version.

Se il tuo tema e i plugin risultano compatibili con una delle ultime versioni di PHP puoi cambiarla autonomamente dal pannello di amministrazione dell'Hosting oppure chiedere che la modifica venga fatta dal provider stesso.

13# - Disabilita funzionalità di WordPress di cui non hai bisogno

WordPress ha un mare di funzionalità alcune delle quali non userete mai. Purtroppo il fatto che non vengano usate non vuol dire che non consumino risorse, per questo è buona prassi disabilitarle.

Non esiste una funzione nativa di WordPress per fare questa operazione pertanto dobbiamo utilizzare un plugin: WP Disable.

Con questo plugin puoi disabilitare un gran numero di funzioni che effettivamente potrebbero non servirti e impostare alcuni parametri, come il numero di revisioni, che possono ottimizzare l'utilizzo delle risorse.

14# - Non caricare video direttamente su WordPress

WordPress permette di caricare e visualizzare video dalla sezione media. Bene non farlo MAI! Non carica mai video direttamente su WordPress.

Mi spiego meglio, caricare video direttamente su WordPress comporta un consumo importante di risorse e genera altri spiacevoli inconvenienti:

  • Consumo elevato di spazio
  • Consumo elevato di banda, che potrebbe comportare da parte dell'hosting anche la chiusura del sito.
  • Aumento delle dimensioni del backup con conseguente difficoltà di ripristino

Per non incorrere in questi problemi usa piattaforme come Youtube o Vimeo, carica qui i tuoi video e poi li incorpori nelle tue pagine.

WordPress ha una funzione di incorporamento video, quindi ti basta copiare e incollare l'URL del video sul post e verrà incorporato automaticamente.

15# - Per i social usa plugin performanti

I plugin di condivisione per i social utilizzano molti JavaScript. Più JavaScript vengono caricati, più lento sarà il tuo sito.

Molti temi hanno già la funzionalità di Social Sharing ma di solito c'è solo l'icona con il link senza il contatore delle condivisioni.

Rinunciare ad un pò di velocità per la riprova sociale che i tuoi contenuti sono condivisi e apprezzati è una scelta strategica che va valutata caso per caso.

Se deciderai di affidarti ad un plugin uno dei più leggeri da utilizzare è Social Warfare.

16# - Fai sempre gli aggiornamenti

Tieni sempre aggiornato il tuo tema, i plugin e WordPress. Gli aggiornamenti vengono fatti per migliorare le prestazioni, rimuovere i bug e aggiungere funzioni.

Fare sempre gli aggiornamenti significa quindi velocizzare WordPress, aumentare la sicurezza e migliorare l'esperienza utente.

Questo sembra un punto ovvio ma saresti sorpreso di vedere quante persone utilizzano plugin e versioni di WordPress obsoleti.

Considerazioni finali

Velocizzare WordPress può risultare un lavoro da certosini e come hai visto dipende da molti fattori. Ogni punto di questa guida è importante, non guardare l'ordine con cui sono elencati, perché per avere buone prestazioni devi applicarli tutti.

Spero che questi suggerimenti ti siano utili, provali. Testa la velocità del tuo sito, poi applicane uno e controlla nuovamente la velocità di caricamento, scrivici nei commenti che risultati hai ottenuto! Se hai necessità di assistenza non esitare a contattarci scrivendoci dalla pagina contatti o sulla nostra pagina Facebook.

Potrebbe interessarti anche Scegliere il giusto Tema per WordPress e personalizzarlo.

Seguici sulla nostra pagina Facebook ed iscriviti al gruppo di supporto.

Roberto Delisio

Sono più di 15 anni che lavoro alla realizzazioni di applicativi e siti web. Metto la mia esperienza a disposizione di chi ha necessità di sviluppare o gestire il proprio sito in Wordpress.

>
Condividi6
+1
Tweet
Condividi
Pin
WhatsApp
6 Condivisioni