Trasferire un sito WordPress da locale a remoto senza l’utilizzo di plugin.

Una delle domande più frequenti che mi vengono poste è come si faccia a trasferire un sito WordPress da locale al server remoto.

Dopo aver parlato di come installare WordPress in locale, oggi ti mostro come trasferire un sito WordPress sul server.

Anche se ci sono dei plugin per fare questa operazione, come per la guida precedente faremo tutto a "mano". Trasferiamo un sito WordPress creato in locale su un hosting Siteground.

Iniziamo!

Strumenti necessari per trasferire un sito WordPress da locale a remoto

Ogni lavoro necessita dei propri strumenti, e il nostro caso non fa eccezione. Vediamo cosa dobbiamo installare ed utilizzare:

  1. Filezilla Client, client ftp che servirà per il trasferimento dei file. Puoi scaricarlo da qui https://filezilla-project.org/download.php
  2. PhpMyadmin o qualsiasi client per MySQL
  3. Notepad++
  4. Servizio hosting con cPanel, nel nostro caso Siteground

#1 – BackUp del database

La prima cosa da fare è il backup del tuo database e dei file del sito. Vai sul tuo indirizzo di phpMyAdmin, se stai usando Xampp è localhost/phpMyAdmin, seleziona il database ed esportalo.

Trasferire WordPress da locale a remoto

Conserva il file .sql in una cartella di backup precedentemente creata. Vai poi dentro la cartella htdocs di xampp e zippa la cartella del tuo sito WordPress. Tasto destro sulla cartella e seleziona “Invia a cartella compressa”. Prendi il file .zip e mettilo nella stessa cartella di backup dove hai il file del database.

2# – Creare database sul server

Accedi a cPanel su Sitegrond, vai alla voce “Database” e clicca su MySQL Database.

Da questa maschera crei in ordine il database per WordPress.

Per accedere ad un database sono necessari username e password, che crei dalla maschera seguente. Ho creato l’utente webmar34_nuovo e l’ho associato al database con lo stesso nome.

Cliccando su Add ti viene chiesto di definire quali permessi abbia l’utente sul database. Metti la spunta su ALL PRIVILEGES e clicca su Make Changes.

3# – Modifica dominio sul database e importazione

Vai sul pannello del tuo sito in locale da Impostazioni -> Generale e sostituisci localhost/tuacartella con il dominio su cui andrai a trasferire il sito, sia su WordPress Addressche su Site Address. Salva e chiudi.

Con la stessa procedura del passo uno estrai il database che tra poco importeremo sul server. Con questa operazione abbiamo detto a WordPress che il suo indirizzo è cambiato, ma a seconda della complessità del tema potrebbe non bastare. Per essere sicuro che tutti gli indirizzi localhost siano modificati in indirizzo del dominio, abbiamo due possibilità di azione. Una un pò più delicata, che consiglio a chi ha un pò di esperienza, e l’altra tramite l’utilizzo di un plugin.

La prima consiste nell’aprire il file .sql con notepad++, ricercare la stringa http://localhost/tuosito e sostituirla con http://www.tuodominio.it. Ripeto, se non hai un pò di esperienza potresti corrompere i dati del database.

La seconda opzione consiste invece nell'usare il plugin Velvet Blues Update URLs, che una volta installato può andare a riscrivere tutti gli indirizzi del database.

Detto questo, andiamo avanti. Vai sul pannello Database Tools di Siteground, accedi a myPhpAdmin, seleziona il database che hai precedentemente creato, vai su Importa e carica il file .sql che hai creato dopo la modifica del dominio.

4# – Trasferisci i file

Hai due modi per farlo, tramite Ftp o tramite cPanel. Ti anticipo da subito che la seconda modalità è molto più veloce.

FTP

Apri Filezilla, collegati in ftp al server e trasferisci tutti i file della cartella del tuo sito in locale sul server remoto.

CPANEL

Seleziona tutti i file della cartella del tuo sito in locale e inviali ad una cartella compressa. Entra su cPanel, vai nella sezione “Files” e poi clicca su File Manager

Si aprirà la pagina di gestione del file system, posizionati sulla cartella public_html. Clicca su upload e si aprirà la maschera di upload: imposta i permessi come da immagine e carica il file.

Una volta terminato torna su public_html, seleziona il file zip appena caricato e clicca sul pulsante Extract in alto a destra. In un attimo avrai tutti i file caricati, e se tutto è andato bene, il risultato sarà simile a questo in figura.

5# – Modifica e salvataggio impostazioni

Manca veramente poco per trasferire il tuo WordPress sul server. Dalla lista di file che hai di fronte seleziona wp-config.php e clicca su Edit. Modifica le seguenti righe inserendo i dati di accesso al database creato all’inizio.

/ ** MySQL settings - You can get this info from your web host ** //
/** The name of the database for WordPress */
define('DB_NAME', 'webmar34_nuovo');

/** MySQL database username */
define('DB_USER', 'webmar34_nuovo');

/** MySQL database password */
define('DB_PASSWORD', '<latuapassword>');

Salva e chiudi.

Accedi al pannello di WordPress, vai su Impostazioni -> Permalink, scegli la prima opzione e salva, poi scegli la penultima opzione e salva nuovamente. Se stai usando il Revolution Slider potrebbe essere necessario riassegnare le immagini dello slide.

Conclusione

Abbiamo finito, hai trasferito WordPress da locale a remoto. Non ti resta altro da fare che accedere al tuo sito e vedere se funziona tutto. Come hai visto, trasferire un sito WordPress necessita di pochi, semplici passi, ma eseguiti con attenzione. Non ti nascondo che ci sono anche altri modi – tra cui l’utilizzo di plugin – ma a mio parere è meglio avere la situazione sotto controllo ed eseguire tutto a mano.

Se hai problemi non esitare a contattarmi scrivendo qui nei commenti.

Potrebbe interessarti anche 4 step per trasferire WordPress da un hosting all'altro senza andare offline.

Seguici sulla nostra pagina Facebook ed iscriviti al gruppo di supporto.

    Roberto Delisio

    Sono più di 15 anni che lavoro alla realizzazioni di applicativi e siti web. Metto la mia esperienza a disposizione di chi ha necessità di sviluppare o gestire il proprio sito in Wordpress.

    >

    Non perdere la nostra guida su come correggere gli errori più comuni su WordPress!

    Condividi
    Pin
    Tweet
    Condividi
    WhatsApp