I migliori ChatBot da integrare sul tuo sito WordPress

Ti sei accorto/a che siamo entrati in piena era Chatbot? Sono sicuro che hai già notato siti web con la chat dell'assistenza che al posto di un operatore umano hanno un'automazione: quello è un Chatbot. Alla fine di questo articolo anche tu potrai averne uno collegato al tuo sito Web.

Un Chatbot può svolgere alcune funzioni al posto di un operatore umano, al momento siamo ben lontani dal poter sostituire completamente l'interazione umana, ma svolge comunque compiti molto importanti, come quello di registrare ciò che i tuoi visitatori stanno cercando e acquisire le loro informazioni di contatto. Inoltre, a differenza di noi essere umani, un Chatbot lavora 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza interruzioni.

è facile intuire che il suo utilizzo è molto utile anche per far crescere il proprio sito ed il proprio business ed è per questo che è necessario sapere come integrarlo al proprio sito WordPress e come usarlo al meglio.

In questo articolo faremo una panoramica su alcune delle migliori piattaforme Chatbot utilizzabili e vedremo come integrarle.

Ma prima voglio soffermarmi ancora un po' sul perché utilizzare un Chatbot.

Perché integrare un Chatbot con WordPress

Le ragioni sono molteplici:

  • Un Chatbot lavora H24 per il tuo sito.
  • Permette di registrare in modo molto più semplice e veloce informazioni sul visitatore rispetto alle email.
  • Puoi strutturare il bot in modo da far compiere agli utenti le azioni che desideri.
  • Permette di dare prima assistenza ai tuoi clienti senza necessità di un operatore umano.
  • I messaggi inviati via Chatbot hanno una percentuale di apertura molto più alta rispetto alle email.
  • Permette di interfacciarsi con altre piattaforme direttamente o tramite servizi come Zapier o IFTTT.
  • è un potente strumento di marketing per incrementare l'interazione con i tuoi visitatori, le visite sul tuo sito, l'apertura delle tue email e le vendite dei tuoi prodotti e servizi.

Quali piattaforme usare?

La migliore piattaforma su cui creare un Chatbot è sicuramente Facebook Messenger, questo perché hai accesso a tutte le informazioni registrate da Facebook e l'app è praticamente su ogni cellulare. 

Ci sono molte servizi online che permettono la creazione di un chatbot su Messenger senza scrivere una riga di codice. Tra queste le più famose ed utilizzate sono ChatFuel, ManyChat e MobileMonkey. Ognuna di esse permette di aggiungere la chat di Messenger al tuo sito web grazie ad un semplice codice JavaScript.

Se, invece, non vuoi far uscire il visitatore dal tuo sito e appoggiarti a Facebook puoi usare due piattaforme molto interessanti: LandBot o Collect Chat, che permettono di eseguire il Chatbot direttamente sul tuo sito Web.

WordPress e ChatFuel

ChatFuel è una piattaforma spettacolare che, con il profilo gratuito mette a disposizione tutte le funzioni per il Chatbot e la possibilità di avere fino a 5000 utenti. L'unica limitazione è non poter accedere alla gestione degli utenti. 

Per iniziare a usare un Chatbot, a costo zero, è sicuramente la prima scelta.

L'integrazione con WordPress può essere fatta in due modi, tramite plugin o inserendo un piccolo codice JavaScript all'interno dell'header del tuo tema.

Per farlo è molto semplice.

  1. Fai il login a Chatfuel tramite Facebook,
  2. Crea un bot, 
  3. Dal menu laterale selezioni "Grow
  4. Attiva "Customer Chat Plugin for Your Website" cliccando il tasto Enable,

come in figura.

Il click sul tasto Enable apre un popup dove devi scrivere il dominio su cui vuoi installare la chat, uno volta scritto puoi copiare lo script e inserirlo nell'header del tuo sito web.

Se usi un tema Thrive, WPAstra o OceanWP non dovresti avere problemi ad installare, in caso contrario puoi usare direttamente plugin di Chatfuel per WordPress.

WordPress e ManyChat

ManyChat, a differenza di ChatFuel, nella versione free limita l'utilizzo delle funzioni ma lascia la possibilità di modificare e gestire gli utenti che entrano nel bot.

La logica per integrare la chat di messenger a WordPress è la stessa che abbiamo visto per Chatfuel, prendi il codice JavaScript e lo incolli nell'header del tema. La differenza è che ManyChat ha più opzioni di configurazione e per questo può risultare più complesso.

Inoltre, rispetto a Chatfuel ha strumenti di marketing che permettono di differenziare la solita chat andando a mostrare sul nostro sito elementi come la top bar cattura contatti o delle popup temporizzate. Un po' come permette di fare Thrive Leads per le email con l'unica differenza che l'opt-in necessita di un click e registra il lead direttamente su Messenger.

Vediamo come installare la chat con ManyChat. 

Dopo aver collegato una tua pagina Facebook scegli dal menu laterale la voce Growth Tools > Widget, e clicca il pulsante New Growth Tools in alto a destra dello schermo

Dai un nome al Widget e seleziona Customer Chat. ​​​​​​

Ora devi configurare e personalizzare la tua chat. Puoi associarle una sequenza specifica, cambiare colore, definire se visualizzarla in tutte le pagine del sito o escluderne alcune e scegliere su che dispositivi visualizzarla. 

Finite le configurazione clicca sul tasto Install Javascript Snippet aggiungi il dominio dove vuoi visualizzare la chat, copia il Javascript e installalo sul tuo sito web incollandolo nell'header del tema.

Ricordati sempre di attivare il Widget dal pulsante in alto a destra nella pagina di configurazione di ManyChat.

WordPress e MobileMonkey

MobileMonkey si rivolge direttamente agli utenti non tecnici - il suo slogan è "Chatbots for Marketers - no coding required!". Nonostante questo, ha alcune caratteristiche che lo mettono alla pari di ChatFuel e ManyChat e che permettono di costruire Chatbot con strutture complesse e sofisticate. 

La versione gratuita permette di avere contatti illimitati ma funzionalità limitate. A differenza delle altre piattaforme, però, non mostra il logo di MobileMonkey nei messaggi.

L'integrazione con WordPress avviene con l'aggiunta della chat sulle pagine tramite l'inserimento di un semplice codice JavaScript nell'header del tema.

Vediamo come fare.

Dopo aver effettuato l'accesso a MobileMonkey e collegata la pagina vai sul menu laterale, clicca LEAD MAGNETS e Customer Chat Widget.

Clicca sul pulsante + New Customer Chat Widgets e configura le impostazioni.

Ricordati di aggiungere il dominio su cui vuoi far visualizzare la chat. Completati questi passaggi copia lo scritto nell'header del tuo tema.

WordPress e LandBot

Landbot è unico sotto molti aspetti. È l'unica piattaforma che si rivolge principalmente al web con , sebbene Messenger sia disponibile sui piani a pagamento, con la possibilità di costruire il bot graficamente. L'idea è che le persone interagiscano con il tuo sito web attraverso un'interfaccia di conversazione progettata in Landbot.

Come detto e come puoi intuire dall'immagine la progettazione del bot è visuale. Una volta completato puoi integrarlo nella tua pagina web attraverso l'inserimento di un semplice codice JavaScript.

Vediamo come fare.

Dopo aver effettuato l'iscrizione e creato il tuo bot vai nella sezione Share. Da qui scegli come incorporare il bot sul tuo sito. Hai 4 possibilità:

  • Visualizzazione a schermo intero
  • Popup
  • Incorporato in una porzione di pagina
  • Chat nel footer

Per finire copia il codice e lo incolli nell'header del tuo tema.

WordPress e Collect Chat

Collect Chat, come servizio, è simile a LandBo.t Permette di aggiungere il Chatbot incorporato in una pagina o come chat di assistenza. Semplice da configurare e installare permette di salvare e partizionare gli utenti che interagiscono con la chat fornendo quindi anche un ottimo servizio per il tuo marketing.

Per  l'installazione su WordPress basta scarica il plugin CollectChat e copiare il codice JavaScript, nella pagina di configurazione del plugin.

I rischi di usare un chat bot

Far uso di un Chatbot non è detto che sia tutto rosa e fiori. Uno dei rischi è che l'utente si possa sentire preso in giro quando capisce che non sta parlando con un persona fisica e smetta di seguirti. Il mio consiglio è quello di specificare, all'utente, che sta interagendo con un'automazione.

Se decidi di usare Messenger di Facebook fai molta attenzione. Come per tutte le cose ci sono delle regole che vanno seguite, regole studiate per non far diventare Messenger una piattaforma di spam. Non seguirle porta direttamente al ban dell'account e se ad una pagina togli Messenger praticamente l'hai resa inutile. 

Per cui, ripeto, fai molta attenzione, per sapere come iniziare con il piede giusto, già dalla configurazione della pagina guarda questo video gratuito di SchoolOfBots Italia!

Considerazioni finali

Far interagire i tuoi visitatori con un Chatbot, dal tuo sito web, è un modo che creare un legame veloce e probabilmente duraturo.

La comunicazione è istantanea e più informale rispetto alle email, e ad oggi la percentuale di apertura dei messaggi è moto alta. Questo non vuol dire che andrà a sostituire le email ma sarà un canale parallelo che anzi, con la giusta strategia, potrà dare ulteriore valore alla tua newsletter.

E tu cosa ne pensi sull'utilizzo dei Chatbot? Scrivilo nei commenti! Non esitare a scrivere anche eventuali dubbi o domande.

    Roberto Delisio

    Sono più di 15 anni che lavoro alla realizzazioni di applicativi e siti web. Metto la mia esperienza a disposizione di chi ha necessità di sviluppare o gestire il proprio sito in Wordpress.

    >

    Non perdere la nostra guida su come correggere gli errori più comuni su WordPress!

    Condividi
    +1
    Tweet
    Condividi
    Pin
    WhatsApp