7 consigli per evitare conflitti tra plugin in WordPress

7 consigli per evitare conflitti tra plugin in WordPress

Un aspetto che ha reso WordPress la piattaforma più usata per fare siti Web è la possibilità di personalizzarlo ed estenderne le funzionalità tramite i plugin.

Diciamoci la verità, è una vera figata! 

Ce ne sono a migliaia, di tutti i tipi per tutte le esigenze e molti di essi sono persino gratuiti, è come un gigantesco buffet digitale per WordPress in cui puoi tuffarti senza limiti…o quasi.

Si perché come per qualsiasi cosa esagerare può avere conseguenze negative e far male. Usare troppi plugin oltre a rallentare il sito può portare problemi di compatibilità e conflitti.

Il repository di plugin di WordPress può essere un buffet, ma non tutto il cibo va bene l'uno con l'altro. Immagina di abbinare la cioccolata con il pesce… non suona molto bene, vero?Quello che sto dicendo è non tutti i plugin possono coesistere tra loro, ogni sviluppatore codifica i propri plug-in in modo diverso e questo può causare conflitti tra di essi.

Come per tutti i conflitti e le questioni, tuttavia, prevenire è meglio che curare e molto meno costoso. Imparare a prevenire i conflitti tra plugin può farti risparmiare un sacco di tempo e sforzi in futuro. Quindi, ho creato un elenco di cose che puoi fare per ridurre al minimo questa possibilità.

Evita di installare plugin obsoleti

Come regola generale, ricorda sempre di verificare se il plug-in che vuoi installare è ancora supportato ed è compatibile con l'ultima versione di WordPress. WordPress di solito ti se il plugin è obsoleto.

Ci sono casi in cui i plugin installati potrebbero diventare obsoleti senza che tu lo sappia. Ciò significa che alla fine dovrai controllarli periodicamente. Ogni tre mesi circa, vai alla pagina del plug-in e vedi quanto tempo è trascorso dall'ultimo aggiornamento. Se è ancora compatibile con l'ultima o penultima versione di WordPress può andar bene.

Non installare troppi plugin

L'ho accennato già in apertura, potresti essere tentato di installare il maggior numero possibile di plugin per ogni banale attività sul tuo sito Web, ma ciò può non essere una buona idea.

Oltre a rallentare il tuo sito Web, aumenta anche la probabilità che si verifichino conflitti tra plugin, soprattutto se installi plugin gratuiti non supportati o non molto utilizzati.

Pertanto ricorda che per per i plugin meno ne installi meglio è!

I vantaggi di avere plugin essenziali superano di gran lunga una stravagante libreria di plugin. Avere troppi plugin aumenta la probabilità che alcuni di essi abbiano funzioni sovrapposte. Ciò di per sé può causare anche molti conflitti rendendo il sito inutilizzabile.

Aggiorna i plugin singolarmente

Lo so che l'aggiornamento massivo è più comodo ma se qualcosa va storto non hai idea di quale sia il plugin che ha creato il problema.

Aggiornarli uno alla volta ti permette di isolare il problema e gestirlo facilmente tornando indietro all'ultimo backup funzionante.

 Pertanto una volta a settimana controlla i plugin e aggiornali singolarmente in questo modo riduci drasticamente le possibilità che il tuo sito smetta di funzionare.

Controlla i forum di supporto dei plugin

Il repository di WordPress mostra quanto gli utenti hanno apprezzato o odiato un determianto plugin attraverso le recensioni. Tuttavia, queste valutazioni a cinque stelle non mostrano sempre l'intera storia. Alcuni plugin potrebbero avere un'incompatibilità non conosciuta ,con altri plugin, che solo gli utenti possono scoprire.

Nella pagina del plugin sul repository, cerca la scheda "Supporto". Di solito c'è un mini-forum  con molte persone che discutono di tutte le questioni relative al plugin. Controlla semplicemente eventuali conflitti o problemi per vedere se il software è più problematico di quanto valga la pena.

Un'altra buona abitudine è quella di cercare su Google eventuali incompatibilità prima di installare il plugin.

Avere un sito in staging o in locale per i test

Molti hosting come Siteground o Scala Hosting danno la possibilità di clonare il tuo sito in un'area di staging (gestione temporanea) dove puoi fare tutti gli sviluppi e le prove che vuoi senza andare a danneggiare il sito in produzione. Una buona pratica è quella di eseguire tutte le operazioni di aggiornamento e installazione di plugin prima sull'area di staging e poi se tutto funziona replicare le operazione sul sito online.

Un sistema equivalente è crearsi una copia in locale sul tuo computer per fare queste operazioni di test. Per fare questo ci sono dei plugin appositi che creano il backup e i file per duplicare il sito in locale.

Fai lo stesso per i temi

I plugin non solo entrino in conflitto tra loro ma anche con altri aspetti di WordPress. A volte provocano persino problemi con il tema che stai usando.  Ecco perché è importante (ma non obbligatorio) ripetere i passaggi che hai fatto qui anche per il tuo tema. 

In questo modo, puoi garantire una buona armonia tra esso e i tuoi plugin. Una volta che sei sicuro che non ci siano problemi e conflitti  sarai più produttivo e concentrerai la tua attenzione su altri aspetti.

Considerazioni finali

Riuscire a prevenire i conflitti tra WordPress, plugin e temi è fondamentale. Ti dico per esperienza diretta che quando si verificano è veramente difficile risolverli se non andando a togliere uno dei plugin che li crea o addirittura il tema stesso creando così un aumento del lavoro per ristrutturare il sito con i nuovi strumenti e controllare che anche essi non vadano in conflitto, scrivimi per saperne di più.

Per questo ho creato due configurazioni standard testate che non danno problemi di questo genere, una è creata per gli eCommerce e l'altra per blog, siti ad alta conversione e siti vetrina.

Potrebbe interessarti anche ​5 plugin YouTube per integrare video sul tuo sito WordPress.​​​

Roberto Delisio

Sono più di 15 anni che lavoro alla realizzazioni di applicativi e siti web. Metto la mia esperienza a disposizione di chi ha necessità di sviluppare o gestire il proprio sito in Wordpress.

>
4 Shares
Share4
Tweet
Share
Pin
WhatsApp